Festival Del Cinema Italiano di Toronto, Boom di Premi e in 25Mila per L’Italia

my etv media

21 Giugno 2015

Le stelle del cinema italiano brillano in Canadaper l’ICFF che quest’anno registra il numero più alto di presenze. Vince il Premiodel Pubblico “Noi e la Giulia” di Edoardo Leo. Standing ovation e Premio alla Carriera per Roberto Benigni e Nicoletta Braschi omaggiati con una retrospettiva cinematografica ‘A beautiful Life’. L’imprenditore, produttore e distributore cinematografico Andrea Iervolino nom inato Ambasciatore del Cinema italiano nel mondo.

TORONTO-Il coraggio di rischiare, reinventarsi, reagire e ricominciare. Il Canada premia ‘Noi e la Giulia’ il film di Edoardo Leo che parla di una generazione – quella dei quarantenni stretti nelle difficoltà di affermarsi nel lavoro e nella vita – ma soprattutto d’Italia. E’ lui il vincitore del Premio del Pubblico del Festival del Cinema Italiano Contemporaneo di Toronto, il Festival per eccellenza in Nord America che promuove il meglio del nostro cinema nel mondo.

“Nei miei film – ha detto il regista e attore romano appena ricevuta la statuetta creata dal grande scultore Silvio Mastrodascio – cerco di essere il più onesto e fedele possibile alla realtà che conosco perché faccio cinema non per lanciare messaggi ma per raccontare storie lavorando molto sulla rappresentazione dei rapporti umani e che tutto questo arrivi ad un pubblico non solo italiano, ma addirittura straniero è senz’altro una grandissima soddisfazione”.

Un pubblico quello canadese sempre più vicino all’Italia e al suo cinema. Oltre 25mila persone – per la quarta edizione – hanno voluto esserci nelle sale per le proiezioni dei film made in Italy, agli incontridibattiti con registi e attori italiani, migliaia di autografi, selfie e twitter per portare a casa un po’ del nostro cinema.

“L’ICFF sta diventando un punto di riferimento per il cinema italianoin Nord America-ha commentato Cristiano de Florentiis, direttore artistico del Festival-. Siamo orgogliosiche si sia creato un importante luogo d’incontro dove i maestri del cinema italiani, canadesi e americani hanno potuto dialogare tra di loro, rendendo partecipe anche il pubblico di questo scambio. La cosa per noi fondamentale è che ogni anno la partecipazione del pubblico è sempre più grande e sentita e questo è riscontrato dagli altissimi punteggi che sono stati assegnati a tutti i film in concorso per decretare il vincitore del Premio del Pubblico”.

Al termine di ogni proiezione gli spettatori infatti sono invitati a votare usando i loro biglietti come schede. Quest’anno il pubblico ha giudicatole pellicole con una valutazione media di 4/5.

L’Italia del grande schermo entra sempre più nei cuori canadesi e diventa quindi protagonista in Nord America con un Festival unico nel suo genere. Non solo per i numeri: nove interi giorni in seicittà canadesi (Vaughan, Mississauga, Hamilton, Montreal e Quebec City), 28 lungometraggi, 22 cortometraggi, prime assolute e film indipendenti. Ma perché celebrala cultura italiana (il Festival si tiene agiugno, che in Canada con quasi un milione di italo-canadesi è stato dichiarato dal Governo il mese dedicato al Patrimonio italiano) con iniziative che le danno un respiro ed una platea internazionale, incrementano le collaborazioni, le co-produzioni internazionali e promuovono il meglio e il nuovo del nostro cinema.

Ecco allora le strade impazzite di Toronto per l’arrivo di due grandi artisti in occasione di una speciale retrospettiva cinematografica ‘A beautiful life’ voluta dal Festival in collaborazione con il Toronto International Film Festival e dedicata ad una coppia altrettanto speciale nella vita e nello spettacolo: Roberto Benigni e Nicoletta Braschi. Sei interi giorni pensati per omaggiare la coppia ospite e protagonista in Canada con proiezioni dei loro più grandi successi – alla presenza dei due artisti che li hanno introdotti, guardati e commentati con il pubblico -, dibattiti e conversazioni. Loro il Premio alla Carriera 2015 del Festival, cui si è aggiunta la laurea honoris causa conferita dall’Università di Toronto. C’è da chiedersi dopo un ‘numero’ così alto cosa potrà riservare la manifestazione per il prossimo anno.

Di certo potrà avvalersi di un prezioso contributo quello di Andrea Iervolino premiato Ambasciatore del Cinema italiano nel mondo. Un’onorificenza – grande novità di quest’anno al Festival – conferitagli all’unanimità dall’ICFF per i successi nella produzione e distribuzione cinematografica. Insieme alla sua socia in affari Lady Monika Bacardi, presente all’evento. Ventott’anni e produttore dall’età di 16, Iervolino è il più giovane imprenditore italiano, esempio della tenacia e dell’intraprendenza tricolore.

Ad oggi ha finanziato e distribuito più di 48 film, è partner e fondatore di diverse società di produzione e distribuzione cinematografica, con filmdi ogni genere, produzioni indipendenti, vantando registi provenienti dall’Italia e dal Nord America, come Barry Levinson, Marco Risi, James Franco e pellicole interpretate da grandi attori tra cui Al Pacino, Greta Gerwig, Sarah Jessica Parker, Raoul Bova, Robert Duvall, Alec Baldwin, Danny Glover e Daryl Hanna.

E star hollywoodiane non sono di certo mancate al Festival. Special guest quest’anno Mischa Barton che tutti ricorderanno come Marisa nella famosissima serie televisiva ‘The O.C’. che ha ricevuto il Premio d’onore del Festival. In sala per la prima canadese di “Midnight Sun” (Il MioAmico Nanuk) insieme al regista di documentari per antonomasia Brando Quilici anche l’attore originario di Toronto Dakota Goyoe Goran Visnjic.

Special guest tutti italiani il duo comico Ficarra e Picone: “Andiamo a quel paese” campione d’incassi al botteghino italiano, ha varcato per la prima volta in assoluto i confini italiani e l’ha fatto al Festival del cinema di Toronto. Scelto e premiato il film, amatissimi i due attori siciliani ‘abbracciati’ dai tanti conterranei che vivono in Canada, ma anche dal pubblico straniero che non ha mai smesso di ridere alle proiezioni e ai forum. Mentre ad aprire la manifestazione l’11 giugno ci ha pensato Marco Turco regista della pellicola impegnata “L’Oriana” sulla vita della giornalista e attivista italiana Oriana Fallaci con l’intensa interpretazione di Vittoria Puccini.

Il premio della Toronto Film Critics Association è andato a “Il ragazzo invisibile” di Gabriele Salvatores. Il miglior cortometraggio con un assegno del valore di $1,000 CAD èquello di Isabella Salvetti “Due Piedi Sinistri”. A Sergio Navaretta, regista italiano-canadese, è stato assegnato il Premio CastlepointNuma per il suo film “The Colossal Failure of the Modern Relationship”. Riconoscimento anche per un grande nome del mondo dell’animazione Vincenzo Nisco (tra i più recenti cartoni per la Disney Peter Pan 2, Tarzan 2, Bambi 2 e il Re Leone 3) cui è andato il Premio d’onore per la Miglior Carriera nel mondo dell’animazione.

Non solo premi ed eccellenze, l’Italia è anche quella della Bella Vita. Red carpets, strass e paillettes: al The Ritz-Carlton di Toronto quasi mille persone per la serata di chiusura, in cui hanno brillato le stelle del cinema, del fashion e della cucina italiana. Ma soprattutto ha brillato ancora una volta l’Italia, riconosciuta, amata e premiata oltreoceano.

Per ulteriori informazioni:www.icff.ca

Media contacts: Italian: Marina Cappitti | marina.cappitti@hotmail.it

Presenting Sponsor

Leading Sponsors

Premiere Sponsors

Film Sponsors

Director Sponsors

Montreal Sponsors

Spotlight Sponsors

StPhillipGPWealth

Program Sponsors

ICFF Junior Sponsors